Melanzana Rossa di Rotonda (Solanum aethiopicum)

Melanzana Rossa di Rotonda (Solanum aethiopicum)

€2,60Prezzo

20  Semi

Coltivazione: facile
Produzione semi: intermedia

Semina: da marzo a maggio

Fabbisogno idrico:****

  • Dettagli

    Melanzana Rossa di Rotonda (Solanum aethipicum): dall'Africa alla Lucania, un particolarissimo cultivar di melanzana Etiope prende il nome dal paese Lucano che ne ha fatto una specie DOP. Importata probabilmente dall'Africa in seguito all'occupazione dell'Etiopia del '900, haa rischiato in passato di andar persa, mentre ora grazie, al consorzio creato, gode di buona salute. Coltivata in molte regioni italiane, conta con un areale con origine protetta di circa 200 kmq, tutti in comuni del Parco del Pollino.

    Il frutto molto simile al pomodoro non ha il tipico gusto della melanzana, è più speziato e leggermente piccante, mentre la consistenza un poco più coriacea. Oltre per le caratteristiche organolettiche che la rendono regina di moltissime preparazioni la,  particolarità è che  essendo  ricchissima di antiossidanti, non si ossida dopo il taglio. La pianta, rustica, non richiede frequenti irrigazioni, ma non sopporta il ristagno idrico. Semina in primavera, molto bene anche la semina invernale in coltura protetta.

    La melanzana Rossa di Rotonda fa parte di quelle varietà a rischio scomparsa che distribuiamo gratuitamente nei comuni d'origine e limitrofi: basterà richiederla lasciando un messaggio in fase d'ordine o telefonando e ritirarli in modo totalmente gratuito presso la nostra sede.

  • Dall'Africa alla Lucania

    Questa cultivar della melanzana Etiope  fu importata nella prima metà del '900 a seguito dell'occupazione dell'Etiopa, probabilmente come curiosità per  la somiglianza del frutto al pomodoro, in dialetto Lucano merlingiana a pummadora, Le selezioni l'hanno poi resa più adatta al consumo con le cartteristiche attuali, rendendola la Rossa di Rotonda.  Successivamente quasi scomparsa, ora, grazie lungimiranza dei coltivatori del Pollino che hanno creato un consorsio e ottenuto la Denominazione d' Origine Protetta è coltivata anche a scopo commerciale con successo, anche con esportazioni. A dimostrazione delle potenzialità delel varietà tradizionali, o antiche, che dir si voglia.

  • Legenda fabbisogno idrico

    *=       Bassissimo, non necessità irrigazione 

    **=     Basso, adatto anche alle zone calde e aride, irrigare solo in caso di prolungata siccità

    ***=   Ridotto, varietà tra le meno  esigenti della la specie, adatto alle zone con piogge sporadiche, irrigare solo in caso di prolungata siccità

    ****=  Tollerante allo stress idrico,  necessità di moderata irrigazione, adatto agli orti a basso consumo idrico.

    Purtroppo fino alla pubblicazione della guida questa è un'indicazione di massima che possiamo darvi, per non creare confusione. L'aridocoltura infatti necessità di tecniche colturali adatte  al pedoclima e substrato. Tutte le varietà sono state acclimatate in Italia.