Amaranto Burgundy (Amaranthus hypochondriacus)

Amaranto Burgundy (Amaranthus hypochondriacus)

€2,60Prezzo

500 semi

Coltivazione: facile

Produzione semi: principiante

Semina: da aprile a giugno

Fabbisogno Idrico: **

  • Dettagli

    Amaranto Burgundy (Amaranthus hypochondriacus): il più conosciuto tra le varietà di questa importante specie, coltivato sia per il consumo dell foglie che dei semi. L' Amaranto è una pianta poco esigente per terreno e richiesta idrica, facile da coltivare , produttivo e decorativo. Le qualità nutrizionali sono importanti:  si consumano semi e foglie, queste ricordano il sapore degli spinaci, occorre coglierle quando sono ancora tenere, prima della fioritura (40-60 giorni dalla semina); mentre i semi utilizzati in numerose ricette fino alla panificazione hanno un contenuto di proteine importante, 13 grammi su 100, 26 di carboidrati e 7 di fibre, l'amaranto non contiene glutine.  Il Burgundy arriva ai 2 metri di altezza,  le foglie sonodi colore rosso scuro nelle prime fasi di crescita, per virare sul verde a maturazione., La pannocchia (inforescenza) è di medie dimensioni con portamento leggermente cadente, al momento della raccolta si vedranno chiaramenti i semi chiari spiccare tra il rosso. Ha necessità macroterme, si semina da aprile fino a giugno al Sud, due mesi per la raccolta delle foglie poi inizia una lunga fioritura, 100 giorni circa per raccogliere i semi. Terminata si possono raccogliere i semi setacciandoli per separlarli dai residui vegetali. I semi non si disperdono per lungo tempo, tollerando anche l'inesperienza del primo raccolto.

  • Valori nutrizionali e ricette

    L'amaranto è uno pseudocereale, i semi si possono utilizzare per farine o interi per altre ricette. Non avendo glutine occorre aggiungere altre farine nell'impasto per la panificazione, ecco a voi  la ricetta per il PANE DI AMARANTO . I semi si possono utilizzare per molte altre ricette, come le seguenti: 10 RICETTE PER GUSTARE L'AMARANTO DI GREENME.
     

  • Legenda fabbisogno idrico

    *=       Bassissimo, non necessità irrigazione 

    **=     Basso, adatto anche alle zone calde e aride, irrigare solo in caso di prolungata siccità

    ***=   Ridotto, varietà tra le meno  esigenti della la specie, adatto alle zone con piogge sporadiche, irrigare solo in caso di prolungata siccità

    ****=  Tollerante allo stress idrico,  necessità di moderata irrigazione, adatto agli orti a basso consumo idrico.

    Purtroppo fino alla pubblicazione della guida questa è un'indicazione di massima che possiamo darvi, per non creare confusione. L'aridocoltura infatti necessità di tecniche colturali adatte  al pedoclima e substrato. Tutte le varietà sono state acclimatate in Italia.